Il mondo finisce all’orizzonte 978-8851198657

Autore : Luigi Calisi
Anno di produzione : 2022
Casa Editrice : De Agostini editore
Genere letterario : Narrativa - Storico
Formato : Ebook, Cartaceo




Recensisci Opera

ACQUISTA

Il sole tramontava nel più incredibile spettacolo che avessi mai visto – un turbinio di nuvole e riflessi che si inseguivano nel cielo – quando, per la prima volta dall’imbarco, qualcuno mi rivolse la parola.
«Di’ un po’, ragazzo, sei mai stato a Maracaibo?»
Nessuno si era preoccupato di fare le presentazioni, ma sei giorni di navigazione mi erano bastati per capire che quella era la voce del signor Fossey, il nostromo.
«No, signore. È la prima volta che viaggio nei Caraibi. A dirla tutta, è la prima volta che viaggio fuori dall’Inghilterra…»
«Capisco» fece lui con il tono di chi non ha bisogno di altri inutili dettagli, lo sguardo fisso su un punto imprecisato al di là del mare, come ad assicurarsi che il sole scomparisse dietro l’orizzonte. «Dicono che sia una città che toglie il respiro. Cibo delizioso, liquori di ogni tipo e una baia che riflette tutti i colori del cielo.»
«È davvero così?»
«Ah, non lo so» rispose lui, girandosi verso di me. «Ma di sicuro ci sono donne bellissime.»
Era passata quasi una settimana da quando mi ero imbarcato su quella nave nello straripante porto di Filadelfia. All’apparenza, chi ero, cosa ci facessi a bordo e dove stessi andando erano un mistero per l’intero equipaggio. E ora il nostromo, un uomo che doveva aver visto meno primavere di quante le sue rughe lasciassero trasparire, si comportava come un vecchio amico che non vedevo da tempo.
«Come ti chiami?» mi chiese a bruciapelo.
«Colin Kipling, signore.» Poi mi sentii in dovere di precisare: «Vengo da Londra».
«Da Londra, eh?» fece lui. «Mah, io ho passato così tanto tempo lontano da casa che neanche mi ricordo dov’è. Comunque, cosa ci fa Colin Kipling da Londra in questa parte del mondo?»
Non riuscivo a capire se quello fosse il normale modo di fare conversazione del signor Fossey o mi stesse trattando come uno stupido.
«Sono così fuori posto?»
«Come un barracuda al gran ballo del re.»

Mar dei Caraibi, 1739. Nelle colonie infuria la guerra tra inglesi e spagnoli, quando il giovane avvocato Colin Kipling giunge da Londra inseguendo una promessa di lavoro nelle Antille. La nave su cui è imbarcato fa un’ultima sosta al largo di Norman Island e il capitano Blackmore decide di scendere a terra, insieme a pochi altri passeggeri e membri dell’equipaggio, per far visita a un amico che non vede da anni, il francese Olivier Rozier. Ma ad attenderli trovano solo il cadavere del vecchio lupo di mare con la gola tagliata. Nel villaggio abitano solo dodici persone e nessuno ha lasciato Norman Island. L’assassino è ancora lì tra loro. Blackmore decide di restare sull’isola fino a quando il colpevole non sarà individuato. Colin, però, capisce presto che il suo capitano è mosso da altri interessi e non ha intenzione di fare davvero giustizia. Rischiando la vita, Colin decide allora di indagare da solo per cercare il vero assassino. Con l’aiuto della giovanissima Ellen e dell’affascinante Susan, scopre che l’isola nasconde una serie di segreti e di misteri, che portano fino a un leggendario tesoro. Ma di lì a poco la situazione precipita, e le conseguenze sono terribili: mettendo alla prova i suoi sentimenti e il suo coraggio, Colin deve lasciarsi alle spalle la giovinezza e l’innocenza per oltrepassare la sua personale linea d’ombra.